Camera, sentenza del 21 ottobre 2008, ricorso n. 19537/03, Clemeno c. Italia

Diritto al rispetto della vita familiare

 TestoVisualizza il testo integrale

Massima

Affido e dichiarazione di adottabilità di minore in seguito alle accuse di abusi sessuali mosse nei confronti del padre, successivamente assolto in appello - Interruzione totale dei contatti con la figlia, ritornata poi a vivere con la famiglia naturale una volta raggiunta la maggiore età e co-ricorrente di fronte alla Corte – Pretesa violazione dell’art. 8, par. 1, CEDU – 1) Sull’affido della minore in seguito al rinvio a giudizio del padre: tenuto conto della natura delle accuse e del processo penale in corso misura proporzionata e necessaria, basata anche su perizie – Assenza di violazione sotto questo profilo – 2) Interruzione dei contatti con il fratello e la madre, mai coinvolta nel processo penale ma rimproverata per aver fornito appoggio al padre, e dichiarazione di adottabilità non giustificate dalle accuse mosse nei confronti del solo padre e peraltro all’epoca ancora in corso d’esame – Rottura totale e irreversibile ingiustificata dei contatti fra la minore e la famiglia naturale – Violazione dell’art. 8, par. 1, CEDU – Equa soddisfazione (art. 41) – Liquidazione del danno non patrimoniale (spese legali non richieste).
.

Nota

[non disponibile].
.